IL MUSEO

Antica residenza di Candido Portinari a Borodowski, il Museu Casa de Portinari, istituzione dell’Assessorato alla Cultura e all’Economia Creativa dello Stato di San Paolo, rappresenta il forte vincolo tra l’artista e la sua città natale, la sua l’origine e i legami familiari. È il locale dove ha realizzato le sue esperienze con i dipinti murali e dove si è specializzato nella tecnica con il passare degli anni.

Per la presenza delle molte opere in dipinti murali sulle pareti della casa e in una cappella nei giardini della residenza, la preservazione è divenuta imprescindibile. Il primo passo è avvenuto il 9 dicembre 1968, quando la casa è divenuta un bene protetto dall’Iphan (Istituto del Patrimonio Storico e Artistico Nazionale). L’anno successivo, l’immobile è stato acquistato dal Governo dello Stato di San Paolo e, il 22 gennaio 1970, è divenuto un bene protetto anche dal Condephaat (Consiglio di Difesa del Patrimonio Storico, Archeologico, Artistico e Turistico dello Stato di San Paolo). Mediante gli sforzi della famiglia dell’artista, del municipio e dello Stato, il Museo è stato installato e inaugurato il 14 marzo 1970. Il Complesso è costituito da una casa principale e da parti annesse che sono state costruite in successive espansioni. La semplicità típica degli interni è la principale caratteristica del Museo.

Obiettivi

Il Museu Casa de Portinari ha come Obiettivi la preservazione e la divulgazione, a scopo di ricerca e di intrattenimento, della casa dove ha vissuto Candido Portinari e dell'eredità culturale in essa contenuta e rappresentata dagli oggetti patrimoniali che hanno influenzato la produzione artistica del pittore e che hanno testimoniato la storia della vita privata e sociale di Brodowski. È parte della missione del museo, per le sue caratteristiche e per la sua vocazione, articolarsi con i punti di riferimento della memoria della città ed essere un polo di incentivo alla fruizione dell'espressione artistica e dell'espressione artistica stessa.

Visione

Il Museu Casa de Portinari vuole essere un riferimento tra i musei-case, con connessioni consolidate con i punti di riferimento della memoria di Brodowski, e vuole avere rilevanza come centro di incentivo all'espressione artistica.

Valori

Garantire la qualità nelle attività di preservazione, di ricerca e di diffusione della collezione. Garantire l'accoglienza a diversi tipi di pubblici. Operare a basso costo e con trasparenza nell'utilizzazione del denaro pubblico e privato. Promuovere la conservazione del patrimonio culturale. Essere responsabile in materia di sviluppo umano ed essere ambientalmente sostenibile.